Istituiti due nuovi accoliti per la Chiesa di Pavia: Riccardo Cambisio e Daniele Sacchi

Giovedì 29 Aprile, nella Cappella del Sacro Cuore a Pavia, alle ore 18.00, è stata celebrata la santa messa con il rito di istituzione del Ministero di Accolito di Riccardo Cambisio e Daniele Sacchi.

La celebrazione, presieduta dal mons. vescovo Corrado Sanguineti e animata dal coro di Bereguardo, ha visto la partecipazione di diversi sacerdoti e dei fedeli provenienti soprattutto dalle parrocchie di Lungavilla e Bereguardo, paesi di origine rispettivamente di Riccardo e Daniele.

Nell’omelia il vescovo, rivolgendosi a Daniele e Riccardo, ha ricordato la giornata come “fortemente caratterizzata dalla celebrazione della festa di Santa Caterina da Siena, patrona d’Italia dal 1939 e compatrona d’Europa dal 1999: figura affascinante e ricca che ha segnato la storia della Chiesa, e che non cessa di parlare anche a noi, con la sua testimonianza e con i suoi scritti.”

In questo contesto liturgico, ha proseguito Mons. Sanguineti: “è bello che due seminaristi della nostra Diocesi ricevano il ministero dell’accolitato: si tratta di un ministero istituito, che nel percorso del seminario, introduce a un rapporto più diretto con l’Eucaristia, perché l’accolito è chiamato a svolgere un servizio al Santissimo Sacramento dell’altare, sia nella messa, alla mensa eucaristica e nella purificazione dei vasi sacri, oltre che nella distribuzione della Santa Comunione, in aiuto al sacerdote, sia esponendo l’Eucaristia per l’adorazione, sia portando la Comunione ai malati nelle case.”

Sempre in riferimento alla figura della Santa senese l’augurio conclusivo del vescovo: “Di anime così ha bisogno la Chiesa, anche oggi, in questo passaggio travagliato che stiamo vivendo e la vera riforma non nasce da progetti e organigrammi, nemmeno pastorali, ma dalla presenza di uomini e donne, come Santa Caterina, ciascuno e ciascuna secondo la propria storia e vocazione, afferrati dall’amore di Cristo e desiderosi di servire e amare la Chiesa e di renderla sempre di più la sposa bella e immacolata del Signore, trasparenza e annuncio del Regno nella storia. Questa è anche la mia preghiera che rivolgo al Padre, per tutti noi: per voi seminaristi, per le nostre comunità, per la Chiesa così bisognosa di nuove e sante vocazioni, per la vita del popolo di Dio e per la testimonianza del Vangelo agli uomini e alle donne del nostro tempo.”

Qui è scaricabile l’omelia integrale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: